Una persona normale non prende cani preparati in laboratorio. Le dichiarazioni del direttore della Gazzetta di Parma

Durante la puntata del TG Parma del 9 gennaio, il direttore della Gazzetta di Parma, Michele Brambilla, fa delle dichiarazioni in tv riferendosi ai cani considerati pericolosi e che hanno fatto molto discutere .

Inizia il servizio descrivendo un fatto avvenuto ad una 36enne che, mentre era a passeggiare con il suo cane, si è ritrovata davanti a due cani pitbull. I due cani, che erano soli nel cortile, hanno attaccato quello della signora uccidendolo, la donna, cercando di difendere il cane è stata ferita e curata all’ospedale.

Il direttore esprime la sua opinione riguardo i cani “pericolosi”, con frasi che hanno scatenato moltissime polemiche nei social, soprattutto dai padroni, animalisti e chi s’intende di cinofilia.

La polemica è partita per via delle dichiarazioni molto dure contro i padroni di cani come il dogo argentino, il rottweiler, il pitbull, definendo non normale chi decide di prendere un cane del genere e paragonando questi cani a delle macchine da guerra, utilizzate dagli spacciatori e criminali come arma offensiva e che impazziscono con l’età per via della conformazione fisica.

I pitbull, i dogo argentino, altri tipi di cani che non sono cani naturali, sono frutti d’incrocio preparati in laboratorio per creare delle macchine da guerra, questi cani sono pericolosi, vanno vietati

Non è accettabile che si  lascino in mano a delle persone che solitamente sono POCO raccomandabili perchè una persona normale non si prende un cane del genere

E’ lo stesso dibattito che si fa in America sulla liberalizzazione del mercato delle armi

Sono macchine da guerra, perchè ripeto, sono state costruite artificialmente in laboratorio con degli incroci particolari e che finiscono con l’impazzire perchè hanno delle calotte craniche che non si sviluppano in modo normale

Alcune delle frasi durante la puntata, il video lo si può trovare sul sito di gazzettadiparma.it, qui http://www.gazzettadiparma.it/video/gallery/403304/due-pitbull-attaccano-donna-all-ospedale-ucciso-il-suo-cagnolino.html

Le risposte non si sono fatte attendere dai padroni dei cani e non solo, definendo il direttore una persona per nulla colta in fatto di cinofilia, chi fa presente che questi cani sono impiegati per la pet therapy, nella protezione civile per il salvataggio di vite umane, che ogni razza rappresenta una storia ben diversa da quella descritta dal direttore e che varrebbe la pena informarsi prima di fare certe dichiarazioni.



loading...

2 pensieri riguardo “Una persona normale non prende cani preparati in laboratorio. Le dichiarazioni del direttore della Gazzetta di Parma

  • 10 gennaio 2017 in 19:33
    Permalink

    Ma taci!!!!!!!!se non sai niente,taci!!!!!!!!

    Risposta
  • 12 gennaio 2017 in 16:08
    Permalink

    Caro Sindaco di Parma, la sua intelligenza arriva dovr finisce il suo retro. E se aversse un briciollo di cultura cinofila… oppure si informasse prima… saprebbe che i cani morsicatori in primis, sono i meticci. E se devo essere considerata da lei una delinquente per i cani che possiedo, la ringrazio. Io considero lei un ignorante (dal vocabolario: colui che ignora), giusto per darle nozioni di italiano

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *