5 espressioni da eliminare assolutamente dal tuo vocabolario per diventare una persona migliore

Loading...
Condivisioni 82

Sia ben chiaro, la ricetta perfetta per diventare persone migliori non esiste: c’è chi decide di fare sport per migliorarsi a livello psicofisico, molti invece decidono di riprendere o continuare gli studi per poter aspirare ad una professione più appetibile; c’è anche chi sceglie di leggere una quantità notevole di libri (semplicemente) per allargare i propri orizzonti. Queste azioni appena elencate sicuramente apporterebbero innumerevoli benefici alla nostra persona. Ciononostante è bene ricordare che ci sono alcune abitudini (scorrette) che sono molto dure a morire; un po’ per ignoranza ed un po’ per pigrizia noi abbiamo sempre insistito ad usare certe espressioni in alcuni momenti della nostra vita; questi segni della nostra personalità hanno minato (e diverse volte anche impedito) il conseguimento di determinati risultati, risultati ai quali abbiamo tenuto veramente molto è che purtoppo non sono arrivati (o se li abbiamo conseguiti sicuramente non sono arrivati come ce li aspettavamo). Ora elencherò gli errori più comuni che le persone fanno e i possibili danni che potrebbero arrecare.

Creativo

Questa parola è usata tantissimo in questi tempi, forse anche troppo. Alcune persone, prese da una sorta di smania egocentrica hanno creduto che la loro creatività fosse unica ed hanno fatto di questo concetto un loro monopolio. A volte alla domanda “cosa fai nella vita” abbiamo ottenuto risposte come “faccio il creativo, io invento e creo ecc“. Sia ben chiaro a volte queste risposte sono appropriate ma dato che questa risposta è molto abusata possiamo constatare che ci sono moltissime persone che pensano di essere creative perché hanno usato la testa per 2 minuti (al minimo gesto “creativo” che fanno si credono chissà che)

Bravo ragazzo

Concetto molto ambiguo, cosa vuol dire esattamente? Non c’è una definizione esatta, l’espressione bravo ragazzo è soggettivo; perciò bravo ragazzo potrebbe dire molte cose come: non ho mai rubato, non picchio le donne, non guido mai ubriaco, non ho mai commesso reati ecc.  Meglio non usare parole così ambigue e indefinite.

Geniale

La parola genio o geniale sta subendo un riadattamento concettuale senza precedenti; tempo fa quando parlavamo di geni si pensava a persone di grande caratura e notorietà (matematici, fisici, premi nobel, letterati); ora chiunque può essere genio: quando si scrive un commento su Facebook  (chi non è sicuro di avere ragione evita di pubblicare qualcosa che possa essere letto da migliaia di utenti) implicitamente si ammette di essere sicuri e consapevoli di ciò che si sta esprimendo. Per carità la libertà di espressione è sacra; ciononostante tale libertà comporta anche la responsabilità di far fronte ad eventuali danni che le nostre affermazioni possono comportare (diffamazione, ingiuria, offesa, discriminazione razziale, omofobia ecc).

Ragazza facile o P*****a

Anche se queste parole vengono prese per chiare ed esplicative esse nascondono un lato molto oscuro sul quale noi dobbiamo puntare un riflettore. Ogni ragazza ha il diritto di fare ciò che vuole del proprio corpo (sempre nel rispetto della legge e del buon costume) perciò se a una ragazza gli piace essere più intraprendente quale sarebbe il problema? Il motivo è molto semplice: come le espressioni citate in precedenza anche questa ha una natura puramente soggettiva: chi ribadisce che una certa ragazza sia facile in realtà lo afferma perché lei prova un fastidio: forse la persona incriminata le ha “rubato” il ragazzo, forse lo dice per ripicca perché ha perso durante una sorta di competizione (come il fatto che una sia più bella e simpatica di un’altra); in altri casi invece le persone si inventano di sana pianta un motivo (che non esiste in realtà) per poter etichettare la sua “rivale” una poco di buono. In questo caso è proprio vero che la gente guarda solo ciò che vuole vedere e non ciò che gli appare veramente; in ogni caso è controproducente un simile approccio alla realtà di tutti i giorni e per di più è molto offensivo.

Persona migliore

 

Ebbene si, anche questo concetto è insensato; voi forse vi starete chiedendo perché nel titolo compaia l’espressione “persona migliore“, ora ve lo spiego subito: le primissime volte che abbiamo sentito queste 2 parole sono state o quando seguivamo un corso di autostima (di un fantomatico guru) o di un film o di una clip motivazionale; insomma è molto triste usare un concetto preso da un film ed applicarlo nella vita reale, specialmente se non sappiamo cosa voglia dire veramente. É bene riscoprire sé stessi e cercare di individuare tutti i nostri tratti caratteristici, una volta fatto possiamo anche lavorare per migliorarli, magari tutto questo potrebbe rendervi più produttivi, ciononostante siete sicuri che tutto questo possa voler dire essere una persona migliore? Se la risposta che date è affermativa allora implicitamente ammettete anche che una persona ricca è migliore di voi.

Cosa possiamo dire di tutto questo?

Non è forse meglio rispolverare il piccolo dizionario che è in noi e cercare di dare un senso a ciò che diciamo e sentiamo o dobbiamo sempre parlare per sentito dire con il rischio di commettere anche gli errori degli altri (sommandoli ai nostri)? Questo articolo non ha la pretesa di dire cosa è giusto e cosa è sbagliato, l’intento mio è quello di incentivare le persone a farsi un proprio senso critico facendosi le giuste domande; solo con le giuste domande otterremo le giuste risposte.


loading...


Loading...

Un pensiero riguardo “5 espressioni da eliminare assolutamente dal tuo vocabolario per diventare una persona migliore

  • 25 luglio 2017 in 14:52
    Permalink

    Tutte le parole riportate nell’articolo nascono da slogan pubblicitari. Sono state create da psicologi che fanno leva sull’IO dell’individuo. La pubblicità è stata da troppo tempo trascurata. Ha un impatto psicologico sui giovani davvero devastante.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *