La partita viene sospesa e il portiere dimenticato per 20 minuti

Condivisioni 3K

Era il 25 dicembre del 1937, come da tradizione nel Regno Unito, nonostante fosse il giorno di Natale, si giocavano ugualmente le partite di calcio.

Questa giornata non fu ricordata per qualche particolare risultato finale, ma per un fatto davvero bizzarro.

In tutto il paese ci fu un’improvvisa fitta nebbia che rese difficile per i giocatori vedere il pallone ed i compagni. Data l’impossibilità di continuare, vennero sospese più della metà delle partite di calcio.

Nella partita Chelsea contro Charlton, il derby di Natale che si giocava nel pomeriggio a Stamford Bridge, vedeva queste due squadre darsi battaglia. Iniziò regolarmente ed entrambe segnarono nel primo tempo, una partita molto combattuta. Finito il primo tempo, nell’intervallo, la nebbia iniziò ad invadere il campo di gioco e gli spalti, nonostante la difficoltà, i giocatori tornarono in campo decidendo comunque di provarci.

Dopo soli 10 minuti dall’inizio del secondo tempo, l’arbitro prese la decisione di interrompere il match, la nebbia era diventata troppo fitta per continuare, fischiando così la fine della partita. Le squadre rientrarono negli spogliatoi, tutti tranne uno.

Il portiere del Charlton, Sam Bartram, non sentì il fischio dell’arbitro e non vide quello che stava accadendo per via della fitta nebbia, rimanendo così a proteggere la sua porta in attesa di vedere qualche sagoma avvicinarsi.

Dopo più di 20 minuti dalla fine della partita, vide arrivare una sagoma, ma non riuscì bene a definire se si trattasse di qualche suo compagno o di un rivale. Qualche secondo più tardi riuscì a capire chi era; un poliziotto che si fece avanti, stupito nel vedere il poliziotto sceso in campo, si domandò che cosa ci facesse, scoprendo così l’amara sorpresa.

Bartram corse verso gli spogliatoi e trovò i suoi compagni già lavati e cambiati che si facevano una grossa risata, accogliendolo in applausi ironici.

La giornata rimase impressa per tutta la vita al portiere tanto che lo scrisse anche nella sua biografia qualche anno dopo.


loading...


Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *